mercoledì, Marzo 3, 2021
Home Cultura Eventi Caltagirone: celebrata la “Giornata del Ricordo”, in memoria delle vittime delle Foibe

Caltagirone: celebrata la “Giornata del Ricordo”, in memoria delle vittime delle Foibe

E’ stata celebrata anche a Caltagirone la “Giornata del Ricordo”, in memoria delle vittime delle Foibe, un’iniziativa della Società calatina di storia patria e cultura (presidente Alfio Caruso) con il patrocinio del Comune di Caltagirone. Deposta una corona di fiori al Monumento dei Caduti. Anche il Presidente della Commissione Difesa della Camera dei deputati, Gianluca Rizzo, ha ricordato l’evento ricordando che: “Celebrare il Giorno del ricordo significa compiere un atto di giustizia e verità. Le istituzioni repubblicane ricordano le vittime delle foibe unendosi al dolore degli esuli istriani, giuliani e dalmati. Si tratta di una pagina drammatica della nostra storia, figlia di quegli anni di odio e di guerra. Ogni tesi negazionista o giustificatoria deve essere rigettata. Nell’Europa che vogliamo costruire la memoria di quelle atrocità sia da monito per il presente e il futuro: nessun essere umano deve essere più discriminato o ucciso per la sua nazionalità, etnia, lingua o religione.”

Foto di Walter Alba

- Advertisment -

Più letti

Caltagirone: celebrata la “Giornata del Ricordo”, in memoria delle vittime delle Foibe

E’ stata celebrata anche a Caltagirone la “Giornata del Ricordo”, in memoria delle vittime delle Foibe, un’iniziativa della Società calatina di storia patria e cultura (presidente Alfio Caruso) con il patrocinio del Comune di Caltagirone. Deposta una corona di fiori al Monumento dei Caduti. Anche il Presidente della Commissione Difesa della Camera dei deputati, Gianluca Rizzo, ha ricordato l’evento ricordando che: “Celebrare il Giorno del ricordo significa compiere un atto di giustizia e verità. Le istituzioni repubblicane ricordano le vittime delle foibe unendosi al dolore degli esuli istriani, giuliani e dalmati. Si tratta di una pagina drammatica della nostra storia, figlia di quegli anni di odio e di guerra. Ogni tesi negazionista o giustificatoria deve essere rigettata. Nell’Europa che vogliamo costruire la memoria di quelle atrocità sia da monito per il presente e il futuro: nessun essere umano deve essere più discriminato o ucciso per la sua nazionalità, etnia, lingua o religione.”

Foto di Walter Alba

- Advertisment -

Più letti

Open chat