sabato, Ottobre 1, 2022
HomeCronacaEntro luglio 53 milioni di euro di investimenti per l'ospedale di Caltagirone

Entro luglio 53 milioni di euro di investimenti per l’ospedale di Caltagirone

43 milioni di euro di investimenti in opere pubbliche realizzate e da realizzare entro il primo trimestre del 2022; 10 milioni di euro per nuove attrezzature; l’acquisto della Tac a 128 strati e entro luglio l’avvio di nuovi concorsi per le discipline nelle quali si avranno carenze. L’annuncio è stato dato dal manager dell’Asp di Catania, Maurizio Lanza, alle delegazioni di CGIL (Fp Calatino e Medici), CISL (Medici), UIL (Fpl e Medici), FIALS e FSI-USAE, nel corso dell’incontro, presso la Direzione Generale dell’Azienda sanitaria catanese, per discutere sulle strategie aziendali relative al “Gravina” e risolvere le criticità del Presidio. Presenti, per la parte sindacale, Enzo Maggiore, Sandro Sammartino, Francesco Barone e Giuseppe Castronuovo (CGIL Fp Calatino e Medici), Massimo De Natale (CISL Medici), Fortunato Parisi, Stefano Passarello e Filippo Bentivegna (UIL Fpl e Medici), Agata Consoli (FIALS) e Salvatore Bellia (FSI-USAE). I rappresentanti sindacali hanno chiesto al manager Lanza: la definizione di tutte le procedure concorsuali per i primari entro il mese di settembre, l’accelerazione delle procedure concorsuali per i dirigenti medici, la condivisione della Dotazione organica e del Piano del fabbisogno del personale, la sottoscrizione di nuove convenzioni per prestazioni specialistiche con Aziende sanitarie per le discipline più in sofferenza, l’integrazione del Tavolo permanente della salute per dedicare maggiore attenzione alle realtà periferiche della provincia, l’individuazione di forme di incentivazione e di ristoro per gli operatori che prestano il loro servizio in sedi di lavoro lontane dal centro o disagiate, la valorizzazione delle eccellenze presenti nell’Ospedale di Caltagirone ed il rilancio della Fisiatria del Presidio di Santo Pietro.

- Advertisment -

Più letti