mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeIN EVIDENZACaltagirone: interrogazione consiliare di Aldo Grimaldi e Stefano Marchese sulla gestione delle...

Caltagirone: interrogazione consiliare di Aldo Grimaldi e Stefano Marchese sulla gestione delle Acque in città e nel Calatino affidata alla SIE SPA

“Quali sono le iniziative poste in essere dall’Amministrazione Comunale per la verifica dell’esistenza dei requisiti in capo alla SIE spa; Quali sono le garanzie che il Comune di Caltagirone ha chiesto e chiederà per evitare che eventuali inefficienze della rete idrica presenti in altre zone del territorio della ex Provincia di Catania possano essere ribaltate sulle utenze di Caltagirone e del Calatino con ulteriore aggravio delle tariffe; Se il Signor Sindaco è al corrente del piano di investimenti che la SIE sta effettuando nella nostra zona e in che modo i fondi che arriveranno con il PNRR potrebbero portare ad un miglioramento complessivo del servizio”. Queste le richieste dei consiglieri comunali di Fratelli d’Italia, Aldo Grimaldi e Stefano Marchese, al sindaco di Caltagirone, Fabio Roccuzzo, contenute nell’interrogazione consiliare che fa il punto sulla gestione delle Acque a Caltagirone e nel Calatino “affidata alla SIE SPA una società mista pubblico privato che da anni gestisce il servizio idrico a Caltagirone, Militello in Val di Catania, San Michele di Ganzaria, San Cono, Vizzini, Licodia Eubea e Grammichele”. Nell’interrogazione i consiglieri comunali Grimaldi e Marchese evidenziano che “la tariffa per la fornitura dell’acqua a Caltagirone e nei Comuni del Calatino è senza ombra di dubbio più alta che nei Comuni del Catanese in quanto differenti sono le procedure di estrazione dal sottosuolo del prezioso liquido e che la gestione attraverso la SIE non può più essere fatta con la stessa convenzione dell’epoca proprio perché nel frattempo sono cambiate le condizioni e gli assetti (dal 2005 al 2024)”.

Più letti