sabato, Dicembre 10, 2022
HomeEconomiaViabilità: tre ipotesi per la nuova Tangenziale di Catania da Ance e...

Viabilità: tre ipotesi per la nuova Tangenziale di Catania da Ance e Confindustria

Ance e Confindustria Catania hanno individuato nella Tangenziale di Catania e nelle sue criticità, uno dei nodi da sciogliere per il bene della Sicilia e del capoluogo etneo magari avviando il tanto atteso sviluppo della città di Catania, attraverso interventi concreti che possano migliorare la qualità di vita e dare nuovo slancio all’economia. I risultati, frutto di uno studio avviato nel 2003 da Ance Catania – su iniziativa del past president Andrea Vecchio – sono stati raccolti e presentati alle autorità competenti e recapitati alla Regione Siciliana, all’Anas, all’Assessorato regionale delle Infrastrutture e Mobilità, al Commissario della Città metropolitana e a quello di Catania, una sintesi delle analisi di Rosario Faraci (professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese UniCT), Paolo La Greca (ordinario di Pianificazione Urbanistica e Territoriale UniCT) e Francesco Russo (ordinario di Trasporti dell’Università di Reggio Calabria). Uno studio da cui emerge la mappatura del flusso di veicoli che percorrono l’arteria quotidianamente, con conseguente aumento di congestione del traffico, inquinamento, disagi per cittadini e perdita in termini economici. Da qui la necessità di trovare soluzioni alternative alla realizzazione di una terza corsia, che comporterebbe ulteriori ostacoli e pochi vantaggi: tre sono quelle individuate da Ance e Confindustria, che ruotano su un nuovo tracciato pedemontano che possa alleggerire il carico sulla Tangenziale, abbracciando i Paesi ai piedi dell’Etna e contribuendo a una mobilità eco-sostenibile, affiancando un’azione di rigenerazione urbana da sviluppare nei territori attraversati. Nella foto da sx Biriaco e Fresta.

- Advertisment -

Più letti