domenica, Ottobre 2, 2022
HomeCronacaMirabella: violenze, lesioni e sequestro di persona, 33enne violento finisce in carcere

Mirabella: violenze, lesioni e sequestro di persona, 33enne violento finisce in carcere

La Procura della Repubblica di Caltagirone nell’ambito di indagini a carico di un 33enne indagato per i reati di rapina, sequestro di persona, atti persecutori e lesioni personali aggravate, ha richiesto ed ottenuto nei suoi confronti la misura cautelare della custodia in carcere, che è stata eseguita dai Carabinieri della Stazione di Mirabella Imbaccari. La vicenda trae origine dalla decisione di una 37enne del posto d’interrompere una relazione sentimentale con il compagno che già più volte, ai suoi danni, aveva evidenziato la propria indole violenta e possessiva. La donna aveva comunicato tale decisione all’ex compagno lo scorso 27 maggio e quest’ultimo, immediatamente recatosi presso l’abitazione della madre della donna, dopo aver preteso ed ottenuto l’ingresso aveva percosso l’ex fidanzata cagionandole ferite al volto ed agli arti. Gli episodi di violenza si sono ripetuti anche nei giorni successivi con la donna che dopo le percosse dell’ex fidanzato, era stata costretta a recarsi presso il pronto soccorso dell’ospedale Gravina di Caltagirone dove i medici le avevano diagnosticato un “trauma cranico facciale con ecchimosi all’occhio dx ed agli arti superiori, collo e gambe” con una prognosi di 7 giorni. Il padre della donna, non più disposto a sopportare ulteriori violenze alla figlia dopo averne notati i lividi sul corpo, si era recato presso la caserma dei Carabinieri per denunciare le angherie subite. Altri episodi si sono ripetuti nei giorni successivi. Gli innumerevoli episodi di violenza sono stati riscontrati dai Carabinieri di Mirabella Imbaccari che hanno raccolto quegli elementi investigativi che, sviluppati e poi compendiati alla Procura di Caltagirone, hanno consentito il consolidamento del quadro indiziario a carico del 33enne e di richiedere per lui la misura cautelare poi emessa dal G.I.P. del locale Tribunale. Immagine dal web.

- Advertisment -

Più letti