domenica, Ottobre 2, 2022
HomeEconomiaMazzarrone: il caldo africano compromette la stagione agricola e vitivinicola

Mazzarrone: il caldo africano compromette la stagione agricola e vitivinicola

A Mazzarrone, come a Licodia Eubea, a Chiaramonte Gulfi, nel vittoriese, come nel ragusano, l’uva da tavola, quella protetta,è in grave crisi,causa la bolla di eccezionale calore africano, che ha distrutto il raccolto ed i redditi  dei coltivatori, che disperano sull’esito della campagna agricola in corso,sia per l’ingrato raccolto che raccoglieranno i proprietari di fondi agricoli ,sia per la “mietitura” dei posti di lavoro conseguenti. Il Governo, l’Unione europea,  sempre sparagnina e poco concludente,i Sindacati,le categorie sociali chiederanno ai coltivatori di approntare le istanze per i contributi di rito.Ma la manfrina non può funzionare,senza un Riformismo universale e radicale delle attività produttive,adeguate ad una politica industriale di grande respiro economico: una consapevolezza e responsabile volontà politica competente. Non si può intervenire a ritrovare il gregge, quando lo si è fatto scappare dall’ovile! Anche i banchieri, più bravi e sinceri Riformatori delle aspettative di tanti lavoratori produttivi, debbono assicurarsi margini di autonomia, nazionale e soprattutto estera, di visione e di intervento,per non essere consapevoli complici di una annunciata disfatta economica, occupazionale e democratica.

Gesualdo Orlando

- Advertisment -

Più letti