venerdì, Ottobre 7, 2022
HomeCronacaCaltagirone: operazione "Requiem", armi e munizioni all'interno dell'ambulanza

Caltagirone: operazione “Requiem”, armi e munizioni all’interno dell’ambulanza

Munizioni per armi da fuoco, non solo all’interno della propria abitazione ma, addirittura, all’interno di una delle ambulanze della Onlus che era adibita al trasporto dei pazienti. Lo hanno scoperto i Carabinieri della Compagnia di Caltagirone nel quadro delle attività conseguenziali all’esecuzione delle ordinanze di custodia cautelare dello scorso 25 maggio, emesse dalla Procura calatina nell’ambito dell’operazione “Requiem”. All’arrestato, il G.I.P. del Tribunale di Caltagirone ha contestato la minaccia e violenza a pubblico ufficiale, perché responsabile di gravi minacce e di un’aggressione fisica ad un caposala del pronto soccorso dell’ospedale “Gravina e Santo Pietro” che in un’occasione, in ottemperanza alle limitazioni imposte per il contrasto all’epidemia da Covid-19, aveva soltanto chiesto all’uomo di uscire da quei locali del nosocomio.

- Advertisment -

Più letti