mercoledì, Marzo 3, 2021
Home Economia Blocco dei Bingo e apparecchi da intrattenimento. Manenti: "rischio emersione illegalità"

Blocco dei Bingo e apparecchi da intrattenimento. Manenti: “rischio emersione illegalità”

La crisi economica dell’ultimo anno ha colpito anche le reti distributive del bingo, delle scommesse e degli apparecchi da intrattenimento, regolamentati nelle concessioni statali. Le attività dei giochi pubblici sono completamente interrotte da nove mesi a causa delle misure governative di distanziamento sociale, ad eccezione delle lotterie.  Lo scrive una nota stampa di Confcommercio ragusa che evidenzia come la spesa nel gioco regolamentato si sia ridotta di oltre il 35%, con più del 40% di minore gettito per l’erario. “Il blocco integrale delle attività – piega il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti – non considera i severi protocolli di prevenzione dei rischi adottati dagli esercenti che prevede la riduzione del numero di persone negli spazi adibiti al gioco, il distanziamento dei clienti e la costante sanificazione del locale. Senza la possibilità di riprendere presto a lavorare, anche per i pubblici esercizi che offrono giochi non si pone solo il problema della continuità aziendale, ma anche quello della difesa della legalità”.

- Advertisment -

Più letti

Blocco dei Bingo e apparecchi da intrattenimento. Manenti: “rischio emersione illegalità”

La crisi economica dell’ultimo anno ha colpito anche le reti distributive del bingo, delle scommesse e degli apparecchi da intrattenimento, regolamentati nelle concessioni statali. Le attività dei giochi pubblici sono completamente interrotte da nove mesi a causa delle misure governative di distanziamento sociale, ad eccezione delle lotterie.  Lo scrive una nota stampa di Confcommercio ragusa che evidenzia come la spesa nel gioco regolamentato si sia ridotta di oltre il 35%, con più del 40% di minore gettito per l’erario. “Il blocco integrale delle attività – piega il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti – non considera i severi protocolli di prevenzione dei rischi adottati dagli esercenti che prevede la riduzione del numero di persone negli spazi adibiti al gioco, il distanziamento dei clienti e la costante sanificazione del locale. Senza la possibilità di riprendere presto a lavorare, anche per i pubblici esercizi che offrono giochi non si pone solo il problema della continuità aziendale, ma anche quello della difesa della legalità”.

- Advertisment -

Più letti

Open chat