"Stop-Hiv". Presentata l'iniziativa per la prevenzione e il test rapido del virus

"L’unico modo per affrontare il rischio HIV è conoscere il fenomeno e aderire alle campagne di prevenzione primaria e secondaria  in particolare attraverso l’acceso al test rapido.Questo consentirà non solo di evitare la diffusione del virus, ma anche di attivare percorsi di cura idonei per chi lo ha contratto". Lo ha dichiarato il dr. Giammanco a margine della presentazione alla stampa del progetto “Stop HIV” che si propone di contrastare la diffusione del virus dell’HIV. Presenti anche gli operatori del gruppo di lavoro progettuale: il dott. Giovanni Tarditi, educatore professionale presso l’UO di Educazione e promozione della salute; la dott.ssa Tiziana Bosco, esperta in comunicazione e audiovisivi; il dott. Salvatore Caminita, assistente sociale; la dott.ssa Claudia Cardillo, educatore professionale."Grazie alla sinergia con le Aziende ospedaliere cittadine, e in linea con le indicazioni regionali, - continua il dott. Giammanco - puntiamo a ridurre il numero di nuove infezioni sul nostro territorio, a facilitare l’accesso al test rapido e a delineare modelli d’intervento efficaci tramite procedure condivise. Ogni azione intrapresa è un investimento per la salute, soprattutto per le giovani generazioni alle quali, come Azienda territoriale, rivolgiamo le nostre migliori energie e risorse".

Per la realizzazione del progetto è stato costituito un gruppo di lavoro di esperti infettivologi, epidemiologi, ricercatori dell’Università di Catania, medici di medicina generale nonché operatori sanitari, socio educativi e volontari delle Aziende ospedaliere che si occupano di HIV.