Scordia: visita del Presidente CIA, Scaravino, alle aziende e territori danneggiati

"Abbiamo accolto Scanavino e i rappresentanti della CIA nella nostra azienda apprezzando la loro visita perché venendo qui hanno allungato lo sguardo sull’intera filiera degli agrumi, constatando quante persone insieme ai produttori danneggiati sono coinvolte in questo comparto economico. I nostri impianti non si fermeranno, con noi lavorano 400 dipendenti e 120 produttori, con la loro collaborazione stiamo già distribuendo le arance bionde e i limoni raccolti in Sicilia, e continueremo senza tregua". Questa la dichiarazione di Nello Alba marketing manager di Oranfrizer, azienda che si occupa di trasformazione e trattamento degli agrumi, in merito alla visita del presidente nazionale della Confederazione Italiana Agricoltori Dino Scanavino a seguito dell’alluvione per visitare gli agrumeti colpiti da gravi danni. All'incontro era presente anche Salvo Laudani. "Intendiamo soddisfare tutte le richieste dei mercati italiani ed esteri - continua Nello Alba -. Gli agrumeti che hanno già subito i danni dell’alluvione dovranno assolutamente essere tutelati e sorvegliati dallo Stato, e non si aggiunga alla calamità l’illegalità, bisognerà proteggere il raccolto che c’è e che non potrà essere ulteriormente decimato dai furti ben organizzati".