Raddusa: seconda edizione di "Giochi senza Frontiere" dedicata alla memoria di Concetta Li Rosi

Si è svolta nel pomeriggio di lunedì 9 luglio scorso, presso lo stadio comunale “Angelina Arena” la seconda edizione dei “Giochi senza Frontiere”  che ha registrato la partecipazione di oltre cinquanta giovani. La manifestazione sportiva, la  cui edizione è stata dedicata alla memoria della giovane sportiva Concetta Li Rosi, prematuramente scomparsa, è stata promossa dal Comune di Raddusa, guidato dal sindaco Giovanni Allegra, tramite il proprio Assessorato allo Sport ed allo Spettacolo, presieduto da Carmela Pagana, ed è stato realizzato con la collaborazione della Pro Loco, presieduta da Andrea Giangrasso, e col patrocinio del locale “Comitato Eventi Forza Raddusa”. Principale responsabile dell’evento sportivo è stato Renzo Dragone, che ha suddiviso i partecipanti in diverse squadre: quella dei “Bambini” (dai 9 ai 14 anni), quella dei “Giovani” (dai 25 ai 21 anni) quella degli “Adulti” (dai 22 ai 40 anni) e quella degli “Over” (dai 41 ai 60 anni). Tutti i partecipanti hanno gareggiato con grande entusiasmo ed alla fine hanno meritato il lauto premio di partecipazione consistente in coppe e medaglie varie secondo il risultato raggiunto singolarmente e come squadra. Grande è stata infine la soddisfazione degli organizzatori che, visti i risultati ottenuti, si sono già impegnati a continuare annualmente le edizioni anche  per i prossimi anni. Tra le massime autorità presenti le Assessoresse Carmela Pagana e Simona Maria Incardona intervenute con l’ex vicesindaco Serafino Palacino che, con dovizia di particolari, ha presentato i giochi. Le varie tonalità musicali, adeguate ai giochi, e la sonorizzazione sono state eseguite dal musicista Santo Pellegrino e da Nelsy Seminerio. 


Nella foto la presentazione dei giochi: da sinistra, Nelsy Seminerio, Santo Pellegrino, le assessoresse Carmela Pagana e Simona Maria Incardona, e il presentatore Serafino Palacino.