Prorogato al 20 settembre il bando della Regione per il compostaggio domestico



E' stato prorogato al 20 settembre il bando per il compostaggio domestico e di comunità dell’assessore regionale all’Energia e servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon (nell'immagine) "per consentire a un numero più ampio possibile di enti locali di rispettare i requisiti richiesti dall’avviso". Sono 16 i milioni di euro a disposizione dei Comuni singoli e Aro, che consentiranno loro di ridurre i costi di conferimento in discarica e di smaltire l’organico a livello locale con piccoli impianti domestici, producendo allo stesso tempo compost per uso agricolo e ottenendo sconti sulla Tari. Prima però i Consigli comunali dovranno prima aver approvato un apposito regolamento. Il dipartimento Acque e rifiuti guidato da Salvo Cocina ha messo a disposizione uno schema tipo per agevolare il lavoro degli amministratori.

Il bando - si legge nel comunicato stampa - finanzia l’acquisto di compostiere, attività di informazione e monitoraggio delle attività. Sono previsti contributi fino a 350 mila euro per Comuni con meno di 5 mila abitanti e fino a un milione e mezzo per i Comuni più grandi con oltre 100 mila abitanti.