Mineo: senegalese senza fissa dimora arrestato dai Carabinieri



Resistenza a pubblico ufficiale, violazione di domicilio, violenza privata e  rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità. Queste le accuse nei confronti di un 30enne senegalese senza fissa dimora ed ex ospite del C.A.R.A. di Mineo, arrestato (dopo una breve colluttazione) dai Carabinieri della Stazione di Mineo, coadiuvati da quelli del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Palagonia. L'uomo, secondo la ricostruzione dei militari dell'Arma, si è introdotto in un fondo agricolo di contrada Cavallo a Mineo dove, alla legittime rimostranze del proprietario, intento a lavorare la terra, lo ha minacciato imbracciando un bastone chiodato (nella foto) tanto da costringerlo a fuggire via. Il senegaleseèstato associato al carcere di Caltagirone dove permane anche dopo la convalida del G.I.P. del Tribunale calatino.