Licodia Eubea: un film turco vince la Rassegna del Documentario e della Comunicazione Archeologica

"Un puzzle enorme. L’iscrizione epicurea di Diogene di Enoanda" E' il titolo del film turco che ha vinto la settima edizione della Rassegna del Documentario e della Comunicazione Archeologica di Licodia Eubea e che ha visto la partecipazione di oltre trenta ospiti tra registi, produttori, esperti della divulgazione dell’Antico e un pubblico numeroso e attento che ha assistito alle proiezioni e agli Incontri di Archeologia nel corso delle quattro giornate, all’interno della chiesa sconsacrata di San Benedetto e Santa Chiara. Francesca Spatafora, dirigente del Polo Regionale di Palermo per i Parchi e i Musei Archeologici, si è aggiudica il "Premio Antonino Di Vita" consegnato da Maria Antonietta Rizzo, moglie dell’archeologo chiaramontano cui è intitolato il riconoscimento, una statuetta realizzata dall’artista Santo Paolo Guccione. "Per quattro giorni Licodia Eubea si è sentita al centro del mondo,razie agli ospiti e spettatori provenienti da ogni parte d’Italia e a quelli stranieri, che hanno regalato a questo piccolo borgo una ventata di internazionalità". Commenta così il Presidente dell’Archeoclub Giacomo Caruso che si ritiene ampiamente soddisfatto per la riuscita dell'evento. Intanto su sta già lavorando per la prossima edizione del festival in programma dal 18 al 21 ottobre 2018.