La tavola fiamminga ritorna a Caltagirone. Giovedì l'inaugurazione del Trono di Grazia



"Il Trono di Grazia" è il titolo della mostra che sarà inaugurata giovedì 13 giugno allle ore 18.30, nella Sala Karol del Museo Diocesano di Caltagirone. Si tratta del ritorno della tavola fiamminga a Caltagirone, evento organizzato dalla Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Catania e dalla Diocesi di Caltagirone e curato da Roberta Carchiolo, Fabio Raimondi, Manuel Parada López de Corselas. La mostra,, ruota intorno al Trono di Grazia, un pregevolissimo dipinto fiammingo attribuito a Vrancke van der Stockt (Bruxelles ante 1420 – 1495), forse allievo del più noto Roger van der Weyden, risalente alla fine del XV secolo (1485 – 1495 ca.). Il dipinto, opera unica nel panorama della pittura siciliana, giunse in Sicilia probabilmente poco dopo la sua realizzazione, forse acquistato da qualche avo del nobile casato della baronessa Agata Interlandi della Favarotta che nel 1783 lo donò alla chiesa di San Giorgio di Caltagirone. Oltre alla Trono di Grazia verrà esposta un'altra piccola quanto preziosa tavola attribuita a Vrancke van der Stockt, la Compassio Patris proveniente dalle collezioni del Museo Archeologico Nazionale di Madrid (la gran parte delle opere attribuite a Vrancke van der Stockt si trovano nei musei spagnoli, poche nei musei belgi, olandesi e statunitensi).