Caltagirone: la fase 2 e interventi per la ripresa economica. Ioppolo: "si faccia in fretta"



Il sindaco Gino Ioppolo invita la I Commissione consiliare a esaminare con sollecitudine la proposta di delibera della Giunta municipale, data la grave emergenza economica e sociale che, con questo importante strumento, intendiamo fronteggiare. "Lo stesso invito - continua Ioppolo - va al Collegio dei revisori dei conti che, forse per il poco tempo avuto a disposizione, non ha valutato adeguatamente la portata del provvedimento, destinato a produrre consistenti ricadute positive sulla nostra comunità. Ogni parere deve essere particolarmente approfondito e tenere in debita considerazione i bisogni reali di una società prostrata da lunghi mesi di forzata inattività. Non è tempo di burocrazia asfittica e strangolante, ma di interventi rapidi a sostegno dell’economia reale”. Tutto ciò in relazione al pacchetto di interventi “per la ripresa economica e sociale post emergenza - Covid 19 della città di Caltagirone”, contenuti nella delibera adottata dall’Amministrazione comunale lo scorso 7 maggio e sottoposti in questi giorni all’esame della I Commissione e dei revisori. Il provvedimento prevede, fra l’altro, l’esenzione Cosap, la riduzione della Tari, possibili novità in materia di canone idrico, cinema drive-in e altro ancora. "Pertanto – aggiunge il primo cittadino – l’Amministrazione comunale dissente dall’immotivato parere non favorevole espresso dal Collegio dei revisori alla delibera in questione, confidando nel contempo in una sua modificazione in ossequio alle norme – una decina – contenute nel Decreto Rilancio del Governo nazionale e della Legge di stabilità della Regione siciliana”.