Badminton: sei giorni di stage formativo per tecnici di alto livello



Si sono conclusi domenica 12 luglio al palazzetto dello sport  "Carlo Alberto Dalla Chiesa Emanuela Setti Carraro" di Bagheria, importante centro della città metropolitana di Palermo, i sei giorni di stage formativo di Badminton dedicato ai tecnici inseriti all’interno del progetto speciale di formazione di alto livello. Per l’occasione sono stati invitati a partecipare agli allenamenti della Nazionale italiana, alcuni dei migliori atleti del settore giovanile siciliano, tra i quali  Emmanuel Perna e Vincenzo Calderaro della racchetta e del volano iudicense. “Sicuramente è stata un’esperienza davvero unica e certamente proficua per  la loro  crescita  sportiva – ha sottolineato Domenico Orazio Cocimano, patron e mister dell’Asd Badminton Castel di Iudica - oltre ovviamente al piacere di stare a stretto contatto con i migliori giocatori italiani”. Ha continuato il tecnico Cocimano: “Una  settimana  intensa di lavoro, sia in campo come osservatori che in aula, per analizzare, sotto la guida dei tecnici nazionali, video - tabelle di  lavoro e quant'altro utile per la formazione, per poi a conclusione essere esaminati  in campo”. Ha concluso il coach Cocimano: “Non sono mancati  momenti di  svago  al  mare e  un’escursione nella  vicina Cefalù, nota cittadina turistica palermitana”. “Ci si vede sul campo”, aveva  infatti precisato il direttore tecnico - allenatore della Nazionale italiana di Badminton, lo spagnolo Arturo Ruiz, al termine dei tre webinar tecnici che hanno fatto da introduzione a questo modulo didattico prevalentemente pratico. I dodici tecnici invitati (Bruno Carmen, Cocimano Domenico Orazio, Franceschino Andrea, Iacovella Carmine, Izzo Luigi, La Rocca Matteo, Marletta Salvatore, Pappalardo Vincenzo, Sammarco Rosamaria, Viola Marianna, Viola Paolo, Wojtowicz Marcin) provenienti dal centro-sud (Campania, Calabria, Molise, Puglia e Sicilia) hanno vissuto sei giorni intensi di formazione e “interrotti” solo mercoledì pomeriggio dalla visita del presidente del Coni, Giovanni Malagò, si sono confrontati con il lavoro che lo staff azzurro svolge quotidianamente al Centro tecnico federale PalaBadminton di Milano. “E’ stata un’esperienza importante – ha evidenziato mister Arturo Ruiz – siamo finalmente partiti con questo progetto che vuole diffondere la cultura dell’alto livello e coinvolgendo i tecnici in maniera dinamica ed innovativa non tralasciando ovviamente anche tutti gli aspetti che toccano la promozione del nostro sport per una maggior diffusione su tutto il territorio”. Ha continuato il dt - allenatore Ruiz: “Avere la possibilità per un tecnico di condividere il quotidiano con il team Italia facilita sicuramente il processo di apprendimento della metodologia del Centro tecnico federale PalaBadminton, visto anche che le aree di insegnamento vertono principalmente sul “ruolo dell’allenatore”, “cosa e come allenare” e il “processo di allenamento”. Ha concluso il dt - allenatore Ruiz: “Vorrei ringraziare la Sicilia e in particolare il Comitato regionale Sicilia ed il suo presidente, Bartolo Calì, l’Asa “Piume d’argento”, il Comune di Bagheria per aver collaborato all’organizzazione di questo stage, ma il mio grazie più grande a tutti i tecnici che hanno aderito all’iniziativa e che hanno lavorato con noi fianco a fianco con grande entusiasmo e voglia di imparare”. Prossima tappa del progetto dal 31 luglio al 5 agosto a Maracalagonis sempre in occasione del trasferimento della Nazionale, con i tecnici del Lazio e Sardegna. (Nella foto da sinistra verso destra: l’allenatore Wisnu Haryo Putro, il preparatore atletico Lorenzo Pugliese, l’allenatore Javier Gallego, l’allenatore Domenico Orazio Cocimano, il direttore tecnico - allenatore Arturo Ruiz ed i due atleti del club iudicense Emmanuel Perna e Vincenzo Calderaro).